Archivi tag: solidarietà

Non in nostro nome!

Sabato gli italiani egoisti, rancorosi e incattiviti (come li definisce non l’opposizione, non La Repubblica, bensì l’ISTAT nel suo cinquantaduesimo “Rapporto sulla situazione sociale del Paese”) sono scesi in piazza per ossequiare il loro vate, Matteo Salvini, che ha rilanciato le sue parole d’ordine di estrema destra: “io non mollo”, “marciare uniti e compatti”, “se Dio mi dà salute faremo grande l’Italia”, “se ci attaccano vuol dire che siamo nel giusto”, e via sproloquiando, il tutto indossando la felpa della Polizia di Stato e ostentando pubblicamente la figlia minorenne.

Il pubblico festante ha apprezzato e intonato cori, com’è giusto che sia trattandosi appunto di cittadini egoisti, rancorosi e incattiviti, come quelli che nel corso della settimana avevano insultato una giornalista rea di aver provato a impedire la violenza fisica su una giovane ladra rom, oltretutto già nelle mani della sicurezza. Né è possibile farci granché, dato che gli egoisti, i rancorosi, gli incattiviti esistono, sono sempre esistiti, esisteranno sempre e a loro va democraticamente lasciato spazio di espressione.

Quel che però non deve esser fatto loro mancare sono le critiche, l’opposizione e anche la misura della loro parzialità. Cosa che invece sta accadendo attualmente, a causa del totale spaesamento di chi non sia né egoista, né rancoroso, né incattivito, ma proprio perciò si senta impotente di fronte all’ignoranza boriosa che sfoga la propria frustrazione contro i bersagli più facili – i più deboli – e contro chiunque ostacoli questo esercizio tanto grossolano, quanto inutile (tralascio volutamente ogni commento sulle forze politiche sedicenti di sinistra, che spaesate erano già da almeno vent’anni).

E allora innanzitutto ribadisco quel che ho detto più volte, e cioé che il sovranismo – sia esso “psichico”, come dice l’ISTAT, o politico, come dice lo slogan leghista “primagliitaliani” – è in primo luogo non tanto immorale, quanto controproducente. Avere come obiettivo principale la difesa dei propri interessi (nazionali, locali, familiari) rende infatti inutilizzabili le principali risorse che l’uomo, animale di per se strutturalmente deficitario, ha a disposizione per far fronte all’insicurezza: la collaborazione e la condivisione. E non lo dico io, ma fiumi di studi antropologici (per esempio il noto Le basi economiche di una società arretrata di Edward Banfield, il padre del “familismo amorale”) che ovviamente gli italiani egoisti, rancorosi e incattiviti sono fieri di ignorare, definendo “radical chic” chiunque sia più competente di loro. Di più, il loro sovranismo li porrà in competizione non solo con l’Europa di cui respingono la collaborazione, ma anche con gli altri paesi sovranisti: ogni alleanza con chi abbia per principio il “prima noi” sarà infatti sempre e solo un’alleanza precaria e di facciata, pronta per esser tradita non appena il “prima noi” debba agire sull’alleato. E se c’è una cosa che aumenta l’insicurezza, questa è la competizione, altra cosa ben nota e confermata da studi che gli italiani egoisti, rancorosi e incattiviti sono fieri di ignorare.

In secondo luogo ricordo a quel sedicente “Popolo” che esso tale non è, perché il Popolo non esiste, almeno non come entità unica e monolitica: esiste una società, composta da individui con idee, interessi, esigenze e sentimenti diversi, che si aggregano in molteplici gruppi più o meno ampi e coerenti, la composizione dei quali produce movimenti, opzioni e decisioni in merito all’andamento della società. Una cosa che si chiama “politica” e che vive di dibattito e confronto, di equilibri tra diversi spesso raggiunti a fatica. E finantoché nella società e nel dibattito politico vi saranno idee ed esigenze diverse dal nazionalismo e da “primagliitaliani”, finché vi sarà chi – come un tempo Don Milani in L’obbedienza non è più una virtù – pensi che

se voi però avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni son la mia Patria, gli altri i miei stranieri

allora quel sedicente “Popolo” non sarà che un’aggregazione parziale di cittadini e avrà strenui oppositori, che riterranno i suoi aderenti prima inetti e poi immorali.

E infine, conseguentemente, dico al loro vate Matteo Salvini, che non si azzardi mai più a chiedere, come ha fatto ieri, una cosa che è impossibile possa ottenere, vale a dire un “mandato per sessanta milioni di italiani”, perché finché in Italia ci sarà

  • chi pensa la propria Patria come la pensava allora Don Milani,
  • chi ritiene di essere italiano, sì, ma prima di questo europeo e ancor prima cittadino del mondo,
  • chi considera che i soldi presi a prestito si debbano sempre restituire,
  • chi pensa che raggiungere la condizione socioeconomica dei propri padri sia meno importante di avere una situazione socioeconomica “giusta”,
  • chi ritiene che la misura di tale giustizia sia umana e non nazionale,

nessun Matteo Salvini, anzi nessun rappresentante sovranista potrà avere un mandato “per sessanta milioni di italiani”, ma solo per quella parte – esigua anche quando formalmente maggioritaria- che lo sostenga.

A quel sedicente “Popolo” e ai suoi vati dico pertanto con forza e a piena voce:

NON IN NOSTRO NOME!

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Siria, casa mia

 

Damascob

Stanotte i comodi potenti del mondo, con motivazioni dubbie e che fanno parte del loro sordido gioco per la spartizione di quell’area, hanno scaricato un altro flagello sulla già stremata popolazione siriana. Pare che non vi siano vittime e solo un numero limitato di feriti, ma la “pioggia di missili” (così gli organi d’informazione) è caduta a pochi passi da Damasco, metropoli da due milioni di abitanti.

Solo una decina di giorni fa ho visto al cinema un film bellissimo, Insiryated, vincitore di vari premi, che mette in scena il terrore di una famiglia di Damasco assediata dalla guerra civile. Un’opera dalla locandina-insyriatedtensione spasmodica, che toglie il respiro, semplice e brutale come solo la realtà sa essere.

In quella casa ho rivisto quella che mi ospitò per alcuni giorni quando, nel 2005, mi recai in Siria, facendo tappa da un’amica impegnata in un progetto di cooperazione a Damasco. Giorni che mi permisero di scoprire una terra arsa ma bellissima e – soprattutto – una popolazione povera ma allegra, accogliente e onesta, che viveva con gioia una situazione anche allora non facile, sia per questioni economiche, sia per ragioni politiche: neanche a quei tempi, infatti, il governo di Assad – al potere per “diritto di discendenza”, non lo dimentichiamo – era visto di buon occhio. Dopo, le cose sono peggiorate.

Un paese, la Siria, che mi colpì moltissimo (con mia sorpresa, visto che non ero attratto né dai luoghi caldi, né quel tipo di cultura) e che – per dirlo con un’espressione piuttosto abusata e che di solito evito – mi è rimasta nel cuore. La gente semplice e paziente, che viveva con dignità la condizione materiale certo non esaltante, uscendo al calar del sole per godersi il fresco portato dal vento dopo i 45 gradi del giorno e per fare allegri pic nic nelle aiuole ai margini delle strade, mi fece riflettere una volta di più su quanto noi, abitanti dei “paesi ricchi”, siamo incapaci di godere di quel che abbiamo – molto, enormemente molto di più di quanto loro non avessero.

Quel film non ha ricevuto molta attenzione in Italia: la gente (il “popolo”, i “cittadini”) al cinema vuol divertirsi, scordare la sofferenza, non guardarla negli occhi, soprattutto se si tratta di una sofferenza reale e non di una finzione romanzesca. D’altronde, è proprio la Siria, a dispetto del dramma che vive da anni,Damasco 2b a non ricevere attenzione in Italia, se non per le lamentele di chi ritiene che i suoi abitanti giunti da noi nel corso della loro fuga non siano veri profughi e, comunque, non debbano ricevere accoglienza nel nostro paese. Come possano fare a rimanere dove sono, tra l’incudine di Assad, il martello dell’Isis e le ciniche strategie dei paesi esteri interessati solo al controllo di un’area povera, sì, ma centrale per le dinamiche politiche del ricco medioriente, a nessuno interessa.

Qualcuno dei lettori sa infatti cosa dicessero della Siria i programmi dei partiti (e dei “movimenti”) presentati in vista delle elezioni del 4 marzo scorso? A mia conoscenza, niente. E quante volte il tema è tornato nei discorsi della (peraltro terribile) campagna elettorale? Mai, credo.

Qualcuno potrà ribattere domandando perché mai un partito italiano debba porre all’ordine del giorno un tema che riguarda terre lontane. Suq Damasco 2bRimando quel qualcuno al mio post precedente, aggiungendo anche che in ballo non c’è solo la vita e la morte di esseri umani con i medesimi diritti di noialtri, in primo luogo quello di vivere pacificamente e democraticamente là dove sono nati, ma anche la nostra vita quotidiana, perché i siriani in fuga dal macello, arrivati da noi, hanno in secondo luogo il diritto di essere accolti in quanto in stato di pericolo e di indigenza, ci piaccia o non ci piaccia. E, personalmente, posso capire che oltre un certo limite la cosa non piaccia, ma proprio per questo il problema richiede di essere messo all’ordine del giorno, cosa che né “la vecchia politica”, né quella “del cambiamento” hanno fatto.

Oggi ho sentito che sia questa, sia quella si sono affrettate a rigettare ogni connivenza con l’intervento americano (diciamocelo, gli altri alleati sono solo dei lacché); ma questo non solo non basta, anzi è perfino meschino, perché interessato solo a proteggersi da eventuali ritorsioni (sai tu cosa passa per la testa degli integralisti musulmani) e del tutto privo di un progetto di politica estera che faccia fronte a un problema immane.

Ma “progetto politico” è ancora un’espressione dotata di senso nell’era della “post ideologia”, dei “consumatori”, Ristorante Damasco 2dei “cittadini” (di un paese o del mondo?), della fine della politica sostituita dalla “gestione onesta”? Chissà. Proviamo ad aprire un dibattito. Nel frattempo, in Siria, a migliaia continuano a morire. Chissà con quanti di coloro che sono scomparsi in questa mattanza infinita, tredici anni fa, ho scambiato informazioni, riso per l’impossibilità di comprendersi, condiviso passaggi sui taxi collettivi, mangiato assieme nei loro poveri e pur coloratissimi ristoranti.

Soffro con te, mia povera Siria.

 

 

Damasco Nightb

Damasco, la notte dal colle di Qasioun

Contrassegnato da tag , ,

Universalismo, ovvero Primagliesseriumani

L’ideologia postideologica del populismo qualunquista incombe, ma in realtà non è lei il problema per il futuro della politica. Quell’ideologia non è infatti che una risposta, per quanto pessima, a un problema incistato nella politica (non solo italiana) da così tanto tempo che è persino difficile fissare una data limite: da Tangentopoli? Dalla caduta del muro di Berlino? O addirittura dal Sessantotto, anno che vide assieme la lacerazione prodotta nel PCI dai carri armati russi sulla Primavera di Praga e una contestazione giovanile che altro non fu che la mascherata di un ricambio generazionale del potere?

Lasciando agli storici questi interrogativi, resta che da quasi mezzo secolo si assiste allo “slittamento al centro” di quel che una volta era la sinistra, il che – tradotto a giovamento di tutti coloro che ritengono “destra” e “sinistra” ormai obsoleti solo perché non sanno maneggiarli – significa costante e progressivo abbandono di valori da parte di quei rappresentanti politici che una volta ruotavano attorno al Partito Comunista Italiano. Uno slittamento che non è responsabilità esclusiva dei politici, i quali anzi hanno la sola colpa di aver “inseguito” un elettorato che sempre più abbandonava i valori storicamente fondanti la sinistra –  equità e universalismo – e che perciò è il vero agente di questo cambiamento.

Le ragioni di tutto questo sono piuttosto chiare e si collocano nell’aspetto rivendicativo delle politiche della sinistra novencentesca e, prima ancora, ottocentesca, entrato in conflitto con quei valori a causa del cambiamento delle condizioni del mondo e della conoscenza che ne abbiamo. Fino a cinquant’anni fa, infatti, il ceto medio e medio-basso dei paesi europei poteva ancora illudersi di coniugare con equità e universalismo il personale desiderio di migliorare la propria condizione materiale : le “magnifiche sorti e progressive” nutrivano il sogno che fosse sufficiente eliminare i privilegi e liberare lo sviluppo per rendere abbienti tutti gli abitanti del pianeta. Oggi sappiamo che non è così, sappiamo che se tutti sei miliardi di abitanti del pianeta consumassero quanto il miliardo dei paesi ad alto PIL la terra non sopporterebbe il carico, anzi, non ci sarebbero proprio le risorse per sostenere quei consumi; oggi vediamo come i “paesi poveri” stiano assediando quelli “ricchi”, o sottraendo loro attività produttiva (che eseguono a costi più bassi), o bussando con energia alla loro porta per entrarvi, sotto forma di immigrazione. E – come evidenziano molti studi, tra i quali il Rapporto Oxfam dello scorso anno – tutto ciò ha comportato che per oltre mezzo miliardo di appartenenti a quel ceto medio, europeo ma anche statunitense, vi sia stata nell’ultimo decennio una parziale, ma comunque sensibile, diminuzione della ricchezza materiale.

Questa è la vera e più profonda motivazione che ha spinto parte di coloro che una volta votavano la sinistra a rivolgersi altrove e, di conseguenza, i loro precedenti rappresentanti a rincorrerli, abbandonando sempre più i valori della sinistra – inutilmente, perché sì facendo si limitavano a mimare gli originali, i quali – si sa – sono sempre preferibili alle loro copie. Adesso – dopo la scomparsa dei partiti di sinistra dal Parlamento avvenuta cinque anni fa e dopo la frana elettorale del 4 marzo che ha prodotto la nullificazione anche del centrosinistra, a vantaggio di populismi dal contenuto ambiguo e privi di qualsivoglia lettura politica internazionale – qualcuno propone di continuare la rincorsa a destra – o, di nuovo, se non vogliamo usare queste categorie, di cessare definitivamente di coniugare equità e internazionalismo.

Lo fa per esempio Gianpasquale Santomassimo in un articolo su il manifesto, criticando non solo quello che chiama “mito europeista” (e certo sulla struttura, più economicista che politica, dell'”Europa Reale” qualcosa da ridire c’è senz’altro), non solo il “multiculturalismo” (tema trattato da tutti con una grossolana superficialità che lascia stupefatti), ma appunto anche l’universalismo:

«Non ci interessa la sovranità nazionale, siamo internazionalisti» dichiara la dirigente di una lista elettorale che ha preso l’1,1%. Ci si chiede da quando questa posizione, che ignora perfino il significato delle parole, e che sarebbe impossibile spiegare ai cubani, ai vietnamiti, ma anche ai curdi e a qualunque altro popolo, sia diventata luogo comune nella sinistra italiana.

Provo a rispondere: dal 1864, data della I Internazionale? Oppure – per limitarsi angustamente all’Italia – il 1969, data di nascita di quel giornale su cui Santomassimo scrive, immemore del fatto che il motto dei suoi fondatori era “la sinistra o è internazionalista, o non è”?

Lo fa anche – e mi stupisce di più, perché molto devo alla sua lucidità politica – un vecchio saggio qual è Raniero La Valle, il quale conclude una riflessione immediatamente successiva al voto e ricca di giuste osservazioni affermando:

Il compito dell’ora è però quello di rimettere in discussione le forme e le leggi della globalizzazione (in gran parte prodotte dalle stesse “sinistre”), e in concreto cercare di mettere in piedi una grande alleanza di opinioni e di forze democratiche europee per una revisione dei Trattati europei, per ridare legittimità al pluralismo delle politiche economiche e sociali e al ruolo della sfera pubblica nell’orientamento e nel sollevamento dell’economia reale: che vuol dire persone, famiglie, destini.

Un po’ meglio di Santomassimo, certo, ma sempre con lo sguardo puntato sul proprio ombelico: perché la povertà, la sofferenza, l’umanità che reclama equità non stanno in Europa ma altrove e – pur con tutte le sue distorsioni – la globalizzazione sta loro dando una mano.

Questo dovremmo far comprendere a quelle “persone”, a quelle “famiglie”, a quei giovani che vanno a Londra a fare i camerieri per non restare a casa propria a fare i muratori, lasciando spazio a quegli albanesi per espellere i quali i loro padri votano a destra (per chi non lo sapesse, il numero di immigrati in Italia, cinque milioni, è più o meno uguale quello degli italiani all’estero…). Questo dovrebbero fare i soggetti di sinistra: ricreare una cultura di sinistra, di fatto boccheggiante, se non defunta. Smettendo di voler “vincere”, o almeno cessando di volerlo fare domani, e riconoscendo con cinico realismo che parte di quegli elettori che si dicevano di sinistra e che non se ne sentono più rappresentati in realtà non lo erano mai stati: si trovavano lì solo per interesse personale e non perché interessati all’equità e alla giustizia. E giustamente, dal loro punto di vista, si sono spostati a destra quando il vento è cambiato.

Questo ci aspetta, se vogliamo tornare a sperare in un mondo migliore, più equo e più giusto, e non limitarci a bramare un mondo per noi più comodo. Ma per farlo l’universalismo è una conditio sine qua non e vederlo accantonare, in toto o in parte, da chi ha vissuto la sua storia a sinistra inquieta più di quanto non turbino l’ascesa delle destre e dei populismi.

 

Contrassegnato da tag , , ,