Sinistra, destra e copyright

Ha ragione, Matteo Renzi (quando ce l’ha, bisogna riconoscergliela), nessuno può avere il copyright della sinistra. Perché di essere di sinistra bisogna dimostrarlo, se non con i fatti e i comportamenti, quantomeno con le idee di cui si è portatori. E quindi, finiamola di dire “io lo sono e tu no”: che si tirino fuori le idee e le si confrontino con quelle che appartengono – storicamente e strutturalmente – a quell’area politica.

Il problema è che oggi le idee non le tira fuori più nessuno, così come nessuno radica più le proprie scelte e azioni politiche in una tradizione ideale: ci manchrebbe altro, si correrebbe il rischio di essere accusati di appartenere a qualche “ideologia” o a qualche “ismo”! Meglio dunque incentrare tutto sulla propria personalità: se sei simpatico, se vendi bene la tua merce, se hai l’aria di essere “l’uomo giusto per un momento come questo”, è fatta. E se fai parte di un partito che (almeno un po’) si rivolge agli elettori di sinistra (o che comunque vogliono sentirsi tali…), allora non puoi non dirti di sinistra, anche se “non canti bandiera rossa”, e devi avere il diritto di farlo.

Solo che, poi, le idee vengono fuori lo stesso, non dette ma realizzate nelle cose che fai o dici senza accorgertene; per cui, se incentri la tua politica sulla riduzione delle tasse (tradizionale stigma della destra, la sinistra le tasse le usa per compensare le differenze sociali offrendo servizi ai meno abbienti), se punti su riforme che aumentino il potere del leader (l’uomo forte, come spiegavo in un intervento di qualche mese fa, è un classico tema della destra), se concludi il tuo discorso con la frase “viva l’Italia” (il nazionalismo, che diamine, è di destra, la sinistra è internazionalista), beh, allora è inutile stare a discutere di copyright: sei di destra, punto e basta!

Non moriremo democristiani, come si diceva una volta: moriremo peggio.

Annunci

One thought on “Sinistra, destra e copyright

  1. renato pilutti ha detto:

    Caro Neri,
    da un po’ di tempo siamo quasi sempre d’accordo, e devo dirti che mi fa piacere per la stima personale e intellettuale che ho di te. In questo post il tuo ragionamento non fa una grinza. E’ vero infatti che nessuno può vantare un’egemonia ideologico-etico-politica su qualsivoglia indirizzo del pensiero e dell’agire politico stesso. Io ho criticato spesso Renzi dal mio blog, non solo per il suo stile giovanilistico-sbrigativo, e per la postura relazionale, spesso insopportabile, ma per la confusione concettuale ed operativa che ha spesso caratterizzato il suo modo di fare politica. Ciononostante qualcosa di buono il suo governo ha fatto, e va riconosciuto.
    Bene che questa frenetica stagione renziana sia finita, ma molto male le convulsioni che stanno dilaniando il Partito Democratico. Mi sembra che tutto sia squallidamente, come si capisce perfettamente dal cinismo di D’Alema, un antirenzismo corroborato dal timore di perdere la cadrega parlamentare da parte di molti, di sinistra o di destra interna che siano.
    Sta per avvenire non una Bad Godesberg (scomodo tanto nome per ironia), e neppure una Livorno ’21, ma nemmeno una Bolognina ’91, ma piuttosto un litigio tra utenti di un parcheggio metropolitano. Che squallore. Ti abbraccio in attesa di vederci il 21 maggio a Firenze, Renato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: